My Own Workout: La corsa rilassata, corsa di frequenza rapida.

martedì 21 febbraio 2012

La corsa rilassata, corsa di frequenza rapida.

Ci tengo a riportare un passaggio tratto dall'ottimo libro di Stefano Baldini, "Maratona per tutti" pubblicato nel 2009.
Si tratta del modo in cui io stesso mi approccio ad ogni tipo di allenamento o attività fisica che svolgo, ovvero nella maniera più rilassata possibile per godere appieno dei benefici dell'attività fisica. Il "concetto" del rilassamento, dell'azione naturale, ovviamente, è applicabile a qualsiasi disciplina:

"La corsa è ovviamente fatica, ma c'è modo e modo di farlo. Quello giusto è il modo rilassato. Devi cercare di essere tutto rilassato, a partire dalla fronte, passando per gli occhi, per tutta la faccia, il collo, il petto, la pancia, fino al coccige. A parte le gambe e le braccia, che sono lì a spingere, prova a lasciarti trasportare dalla corsa, senza che i muscoli della parte superiore del corpo oppongano la minima resistenza.
Comunque, una caratteristica comune ai più bravi maratoneti è il loro modo di correre. E' un movimento quasi "pendolare", dato da un abbassamento del centro di gravità che dà origine a una corsa più "economica", sotto il profilo del dispendio di energie. Inoltre, ricordati che non serve la falcata lunga. Corri con il passo che senti dentro di te, e, aumentando il tuo stato di forma, vedrai che aumenterà la frequenza del passo, raramente la lunghezza della falcata. Tra l'altro, la corsa di frequenza rapida con passi più corti, ti fa spendere meno energia".


(Alla mezza maratona di Stoccolma corsa lo scorso settembre, applicando quanto scritto nel post e senza un allenamento specifico (allenamento dato da circuiti aerobici e cross training), ho chiuso la mia prova in 1:31, davvero soddisfacente :))

Nessun commento: