My Own Workout: Cross Training lungo

domenica 19 gennaio 2014

Cross Training lungo


(Giusto ieri, mentre ero in fase di organizzazione finale della trasferta di maggio ad Helsinki, mi stavo studiando questo video che, dalla prospettiva del podista, mostra un sunto del percorso finlandese. Fondo misto, saliscendi e via dicendo.... trovo che sia piuttosto bello.. in preparazione i collinari diventano automatici e non importa che io sia in outdoor o indoor... :)


Avevo due piani di allenamento per la giornata di oggi:
A: Provare il nuovo percorso della Mezza maratona di Alessandria che si correrà a maggio.
B: Se le condizioni meteo non fossero state buone, un cross training lungo, di fondo.
 
Ovviamente, ad Alessandria, quando si organizza qualcosa di interessante, non solo in ambito sportivo ma a livello generale, ci becchiamo sempre un tempo schifosissimo che va sempre, per lo meno in parte, a rovinare tutto e non è quindi difficile capire dal titolo del post, che alla fine io abbia optato per il piano B...
 
- 10' di riscaldamento utilizzando il ballo elettronico su un paio di pezzi.
 
- Tenute isometriche per la forza generale. 6'' in posizioni statiche di massima trazione alternando parti alte e basse. La sensazione provata alla fine è stata di grande solidità muscolare e forza.
 
- 45' di fondo lento distribuiti su tre frazioni aerobiche: 15' al remoergometro ad una media colpi di 27 per un totale di 6,2 km coperti - 15' di salto con la corda mantenendo uno stato di rilassamento totale; ho lasciato che le combinazioni di salti venissero da soli - 15' sul tappeto magnetico suddivisi in tre sottofrazioni di corsa da 3' l'una alternate da due di camminata veloce.
L'ultima frazione si è rivelata particolarmente impegnativa, praticamente un fartlek collinare. Gli sprint in salita su tappeto meccanico ti uccidono quando superano il minuto e mezzo, portarli a 3' risulta davvero impegnativo e infatti per tutta quest'ultima frazione ho sudato copiosamente, ma alla fine ho terminato una sessione di allenamento esattamente come l'avevo visualizzata in fase di progettazione nella mia testa. La tenuta mentale su lunghi minutaggi in stazioni aerobiche "in movimento da fermi" è stata davvero molto buona.
 
Prima di andare a dormire mi dedicherò allo stretching..
 
A presto! :D
 

 
 
 

 

 


4 commenti:

Fausto di Bio Correndo ha detto...

Ma stai correndo all'aperto? Maggio non è poi così lontano e sempre allenamenti indoor non so quanto possano essere utili..

MB ha detto...

Sono tanto utili! Considera che ogni sessione di questo tipo è finalizzata quasi unicamente all'allenamento aerobico.. e poi io non faccio alcuna distinzione tra indoor/outdoor in quanto l'attitudine che ci metto non cambia. Per ovvie ragioni le sedute all'aperto sono concentrate nel week end, sempre considerando le condizioni climatiche :) Durante l'inverno 2012 feci almeno 2 mesi di allenamento indoor, (che a tutt'oggi è quanto di più vicino ad un allenamento da triatleta) e alla prima uscita di lungo lento a marzo, prima uscita di corsa all'aperto, riuscii a correre 17 km con questo allenamento non specifico... e come dice Aldo Rock: "E' la mente Uomo! La MENTE!!!" ;) ;)

MB ha detto...

P.S. Se il "motore" è ben allenato non importa il come e il dove, una dimostrazione evidente la danno i ciclisti che si danno al puro podismo dopo anni e km macinati in bici; in 8 - 10 mesi con i dovuti adattamenti muscolari e biomeccanici, alcuni sono arrivati a correre la mezza in 1h:10 ;)

Fausto di Bio Correndo ha detto...

Come non detto!! ;-)