My Own Workout: Camminata Pessinatese 2015 - Undici anni dopo

domenica 9 agosto 2015

Camminata Pessinatese 2015 - Undici anni dopo

(Questa gara non è stata minimamente publicizzata, fatta eccezione, stranamente, per il Piccolo di Alessandria; e il peccato è stato solo per chi non l'ha corsa; a mio avviso, una delle più belle gare della provincia)


(Il Team Quality con l'ospite d'eccezione, Diego Scabbio, primo assoluto)


(L'impegnativo finale, ancora, e in modo repentino, passaggio da discesa ripida su difficile sterrato a rampa in salita, a 500 m dall'arrivo)

(Claudia Marchisa e Diego Scabbio, i vincitori della Camminata Pessinatese 2015)

(Belvedere)


2004-2015; la Camminata Pessinatese fu la prima gara corsa in maglia SAI Frecce Bianche ben undici anni fa, dopo che Paolone degli argini mi presentò a Peo Luparia, allora attivissimo Presidente della squadra.
Sbagliai completamente l'approccio a quella prima gara, e, nonostante il consiglio di Stefano "Cavallo Pazzo" di andarci piano sulla discesa iniziale, non riuscii a dosare bene l'impulso di partire forte, ero troppo gasato - col risultato che andai verso "l'autodistruzione" già a pochi metri dall'imbocco della prima salita, e il resto fu un semi calvario da gestire fino alla fine. 
Ci vollero parecchi giorni per recuperare la gara, ma la mia motivazione era alle stelle e mi sentivo gasatissimo dopo questa esperienza. In SAI eravamo in tanti, i più anziani mi davano consigli che apprezzavo, ci spostavamo addirittura con il pulmino "griffato" di squadra e mi sentivo parte di un gruppo, una sensazione che ti fa sentire forte.

L'edizione 2015 di stamattina, "Ricordando il Maestro, Giuseppe Colla", è un'altra storia; ne è passata tanta, tantissima di acqua sotto ai ponti in questo lasso di tempo; in questi anni ho sperimentato tanto a livello sportivo anche allontanandomi parecchio dalla corsa, modificando il mio fisico per più discipline aerobiche, verso un approccio MultiSport che più mi si addice. 
Quest'anno ho voluto rifarla, in primis perchè si tratta di una delle gare più difficili della nostra provincia (sebbene sia stata inspiegabilmente snobbata sia su carta che on line), tecnica e dalle caratteristiche molto variegate, asfalto, sterrato, ciottoli, un ibrido perfetto tra gara su strada e trail; e poi perchè ci tenevo a correrla meglio.
Difficile gestire la distribuzione dello sforzo progressivo con una discesa piuttosto secca e piena di cambi di direzione e tornanti fin dall'inizio, il rischio è quello di andare sovra-ritmo. Si raggiunge l'imbocco della salita troppo forte, e il ritmo si spezza di colpo, adeguando il passo ad una lunga scalata, a sensazione una salita lunga più di 4 km, dapprima su asfalto e successivamente, nella fasi più impegnative, su sterrato e ghiaia.
E' tra il quinto e il sesto chilometro che è sopraggiunta una lieve crisi che mia ha fatto rallentare notevolmente, ma che in seguito, con calma e concentrazione sono riuscito a risolvere, rimettendomi sul giusto binario.
Nel momento di disagio sono stato superato dall'amica Claudia Marchisa (che ringrazio per il supporto) e successivamente dal mitico Alessandro.
Per rimettermi in carreggiata, dopo il settimo chilometro, in un tratto di lieve discesa, sono stato al passo di Alessandro, grande aiuto morale, riuscendo così a rilassarmi e a recuperare energia.
All'imbocco dell'ultimo tratto boscoso di discesa ripida e piena di sassi verso il torrente, mancavano ormai praticamente 1500 m all'arrivo, e a questo punto mi sono letteralmente fiondato giù.

Aver optato per indossare le mie Nike Wild Trail da trail running si è rivelata una scelta azzeccata, considerando il tracciato misto che abbiamo trovato. Su questo discesone ripido vedevo davanti a me Claudia e Alessandro in fase di frenata avvicinarsi sempre di più e sempre più vicina anche la fine del percorso, psicologicamente un sollievo. Per quanto possibile, ho ulteriormente proiettato il peso in avanti riuscendo a recuperare due posizioni, stringendo in denti sull'ultima rampa asfaltata - un muretto ripidissimo di 15 m (una brutta visione verso fine gara) da scavalcare per ritrovarsi sulla strada principale, finalmente verso l'arrivo.

Chiudo la mia prova in quinta posizione assoluta e secondo della mia categoria, con il tempo di 42':43'', rifacendomi nettamente dall'edizione 2004!
Una gara davvero difficile, in cui le possibilità di rifiatare sono poche o nulle, con una salita centrale davvero lunghissima e impegnativa.

Vince l'amico Diego Scabbio in scioltezza, facendo praticamente il vuoto dietro di sè in 36' e rotti (purtroppo non sono ancora in possesso di nessun tipo di classifica e/o tempi). 
Un plauso a Claudia e ad Alessandro per la costanza di risultati e la continuità che state dimostrando sia nella voglia di allenarvi che nella condotta di gara! Bravi!
In modo particolare Claudia, oggi nuovamente prima donna del percorso!
E Tiziano: lo sai che oggi sei stato bravo a gestirti, in uno dei tracciati più impegnativi della provincia, tra l'altro affrontato per la prima volta! So bene che la voglia di mollare su quel salitone è tanta, e i perchè che ti balenano in testa sono molti, ma li hai scacciati.. e hai combattuto e vinto! Fino alla fine!

L'organizzazione è stata essenziale ma comunque funzionale; percorso ottimamente segnalato e presidiato nelle svolte, con l'unico neo, il fatto che due soli punti di ristoro secondo molti non fossero sufficienti; per il sottoscritto un dettaglio, dal momento che sono solito idratarmi molto bene prima, e in gara mi verso l'acqua principalmente in testa.. Acqua, tè e biscotti come ristoro finale, sono stati più che buoni; inutile esagerare, visto che il Ristorante Belvedere era a portata di sedia!!!
Poca partecipazione purtroppo, per questo spettacolare, duro, tecnicissimo percorso immerso nello stupendo scenario della Valborbera. Non sapete cosa vi siete persi!

A presto!! 



Nessun commento: