My Own Workout: Salto con la corda di durata

sabato 16 gennaio 2016

Salto con la corda di durata

(Un pò di acrobatica in sala macchine!)



La seduta di oggi aveva come obiettivo la rigenerazione a ritmo blando, quello che generalmente viene definito "recupero attivo"; attrezzatura utilizzata: una corda per saltare di mia fabbricazione.
Questo genere di uscite, solitamente, vengono effettuate tramite corsetta lenta o jogging per almeno un'ora-un'ora e un quarto, ma a me, sinceramente, correre a quei ritmi annoia un pò.
In proiezione MultiSport Training, (il fulcro centrale attorno a cui ruota questo blog), ho trovato e trovo normalmente molto più stimolante saltare la corda a ritmi medio blandi o darci dentro su un remoergometro, discipline total body al 100%.
Questa sera, raggiunta la sala macchine e acceso lo stereo con musica dance da ritmo, il conto alla rovescia sul cronometro sarebbe terminato solo dopo 30' di esercizio. Per molti, saltare la corda per mezz'ora continuativamente è una follia quasi sovrumana, una noia totale; ma la chiave di volta sta tutta nella testa, nella capacità di svuotare la mente, mantenere postura, rilassamento muscolare, coordinazione e concentrazione; se ci mettete la testa in quello che fate, potete raggiungere qualsiasi traguardo.
L'esercizio di lunga durata, sia esso caratterizzato da molti chilometri di corsa o lavori aerobici dall'elevato minutaggio, sono ottime occasioni per migliorare la propria capacità di focusing, di attenzione sul momento presente, focalizzati sulle sensazioni e le percezioni corporee (principio cardine del ChiRunning definito Body Sensing), esercitarsi per lunghi periodi di tempo al fine di affinare la capacità di rimanere collegati, con sè stessi, se ci si sta allenando in indoor, e con sè stessi e l'ambiente circostante se ci si allena in esterna, in modo particolare in mezzo a tracciati naturali o di campagna. Gli americani riassumono tutto questo col termine Mindfulness.

Ad ogni modo, saltare la corda per 30' continuativamente non è un gioco da ragazzi, in quanto l'esercizio equivale a correre a ritmo lento per almeno un'ora. Quindi bisogna creare i requisiti e le condizioni per fare in modo che si manifestino ritmo e velocità di piedi, e, allo stesso tempo, economia di movimento. Per fare ciò ho mantenuto costantemente l'attenzione su Allineamento Posturale, Rilassamento Muscolare, Respirazione Profonda e una certa Inclinazione in avanti dell'asse corporeo, al fine di avere sempre una pronta spinta in avanti nelle fasi di andature di corsa. Da segnalare che mi sono "ingamberato" soltanto un paio da volte, principalmente a causa di un dolorino che ho alla caviglia sinistra per una piccola storta presa.

Vorrei rimarcare un momento il focus Respirazione: per l'intera durata della seduta ho respirato soltanto col naso, intendo dire processo respiratorio completo. Se riuscite a respirare costantemente tramite il naso durante i vostri allenamenti, avrete la certezza assoluta di starvi allenando in modo aerobico e altamente economico. Questo modo di respirare aiuta a far giungere aria molto più in profondità nei polmoni (respirazione di pancia), con conseguente miglior distribuzione di ossigeno ai muscoli e relativo rilassamento degli stessi. Approfondirò questa tematica propria del T'ai Chi e del ChiRunning in un prossimo post dedicato.

Al termine della mezz'ora, concludo la sessione con un rapido richiamo della forza su braccia e addome, infine stretching.

A presto!



Protected by Copyscape





Nessun commento: