My Own Workout: StraPozzolo commento e qualche scatto

mercoledì 7 giugno 2017

StraPozzolo commento e qualche scatto

Ciao tutti!

Atletica Novese, concorso qualitativo 2017, seconda prova StraPozzolo; ecco quindi come impegnare il martedi sera, ovvero correndo una gara per me inedita! Consueta macchinata composta da tre elementi: il sottoscritto, il Viper e mio papà in veste di fotografo, alle 19:00 circa lasciamo Alessandria per avviarci con tutta tranquillità verso Pozzolo Formigaro, paesino tra il capoluogo e Novi Ligure.
Sul posto, moltissimi volti conosciuti già in strada e in coda per l'iscrizione, ma è palese il fatto che i novesi facciano pesare la loro presenza, mostrandosi all'evento in numero massiccio e non per nulla andando poi a vincere il premio di società più numerosa. Come dicevo in apertura, prima assoluta alla StraPozzolo, sia per me che per il Viper, sulla distanza tipicamente da "serale" di 6,5 km.
La gara in breve: tracciato da affrontare a velocità supersonica fin dai primi metri, stando rilassati e facendo mulinare i piedi ad alte frequenze; il cuore della competizione si snocciola dal terzo al quinto km, fase che propone ai podisti i passaggi più divertenti, con curve a sinistra strette, curve a destra secche, ripartenze e via così, senza soluzione di continuità. Fondo principalmente in asfalto, fatta eccezione per un breve passaggio su sterrato, se dovessi descrivere con due parole questa gara, ecco quali sarebbero: velocità e divertimento.
Però attenzione! La chicca vera e propria sarebbe arrivata tra il quinto e il sesto km: giù secchi in un tunnel (Un tunnel??? XD XD) sulla destra, semi buio improvviso, la lunghezza totale del cunicolo sarà stata di 50 m esagerando, i primi 25 in discesa, a discrezione dell'atleta se percorrerlo su rampa liscia e regolare rimanendo sull'estrema sinistra, oppure su scalini restando al centro/destra, io ho optato per la prima opzione, in quanto mi sembrava più fluida. I secondi 25m invece, in salita, obbligatoriamente su scalini.
Usciamo da questa mini galleria con gambe leggermente in acidosi, ma c'è ancora un buon margine di metri sufficienti a smaltire il lattato accumulato sulla scalinata; non è ancora finita però, l'ultimo ostacolino da affrontare, diciamo al sesto km circa è un cavalcavia, relativamente corto ma psicologicamente impegnativo a quel punto della gara, in quanto arrivando ad attaccarlo ad alte frequenze di ritmo, siamo costretti nuovamente a cambiare assetto di corsa in modo repentino per affrontare al meglio la rampetta, non più lunga di 60m, ma bisogna tenere duro a questo punto, in quanto è il passaggio di gara più faticoso anche fisicamente, posto proprio verso il finale di gara.
Superata questa fase critica, gli ultimi 500m che ci separano dal traguardo sono di liberatoria discesa percorrendo un lungo tornante a destra, e, con le energie rimaste, aprire il gas a martello andando a "bucare il gonfiabile"!! XD
In conclusione, una bella gara di mezzofondo su strada, mi è piaciuta davvero molto: veloce, nervosa, cambi continui di direzione da renderla uno spasso! Quasi un cross su strada! Direi proprio che la descrizione calzi a pennello! Soddisfattissimo della mia gestione di gara, soprattutto a metà, tale da consentirmi di gestire bene il finale, andando a chiudere forte questi 6,5 km in 21':49". 190 classificati come si è appreso in chiusura di evento hanno fatto la gioia di un incredulo Enrico Carminati, che non si aspettava una tale affluenza.
Prima di lasciarvi al Viper che apre una mini galleria fotografica, vi invito a visitare BioCorrendo e AtleticaNovese per altri contributi sulla StraPozzolo, ulteriori gallerie fotografiche e classifiche generali!

A presto! E divertitevi!
































Nessun commento: